Quando si parla di carpenteria leggera e carpenteria pesante spesso si fa un po’ di confusione perché non si conosce con esattezza il significato dei due termini.

Per fare chiarezza di seguito andremo a spiegare cosa significano nello specifico le due terminologie, ma prima cerchiamo di capire cosa vuol dire con precisione il termine carpenteria.

Cosa è la carpenteria

La carpenteria consiste nell’attività di assemblaggio di determinati elementi preparati su misura che permettono di realizzare e montare strutture di vario tipo che possono essere fisse o mobili.

La tecnica può essere applicata in diversi settori, dal legno ai metalli: ovviamente nel primo caso si tratta di realizzare strutture legnose di varia dimensione e progettati diversamente rispetto a quelle prodotte in una falegnameria, mentre nel secondo caso si tratta di realizzare strutture in metallo, ed è proprio qui che si suddivide in leggera e pesante.

La carpenteria metallica è quindi l’arte di creare costruzioni in acciaio e offre la possibilità di utilizzare la carpenteria leggera e pesante, permettendo così di realizzare strutture in base alle varie esigenze. Contrariamente a quanti pensano, la differenza tra le due terminologie non riguarda il peso, ma il processo di lavorazione e la tipologia di materiale utilizzato.

La moderna progettazione strutturale e le nuove tecnologie produttive consentono di lavorare i metalli e realizzare opere di carpenteria di vario tipo, superando di gran lunga i limiti di altri materiali come legno, pietra, calcestruzzo, permettendo così all’uomo di raggiungere la perfezione nell’architettura civile e industriale.

Carpenteria leggera

Nella Carpenteria leggera vengono utilizzate lamiere in acciaio e alluminio più sottili, che si prestano alla realizzazione di determinate tipologie di lavori destinati alle abitazioni civili, e quindi cancelli, parapetti, porte e ma anche prodotti utili in ambito industriale come cancellate, recinzioni, tetti.

In questi casi viene eseguito il procedimento della zincatura che consente alle strutture realizzate di durare molto a lungo se ben mantenute. Come potete vedere non è una semplice questione di peso a definire la distinzione tra carpenteria pesante e leggera, ma anche il diverso processo di lavorazione e la collocazione delle strutture.

Carpenteria pesante

La Carpenteria pesante include invece tutte le lavorazioni che vengono ottenute tramite una strutturazione metallica complessa che ha lo scopo di supportare l’ingente peso di fabbricati civili o industriali, come ad esempio i tetti, ma anche le scale interne ed esterne.

Per la realizzazione di queste strutture è necessario stratificare le lamiere precedentemente lavorate rispettando specifici requisiti che non hanno nulla a che vedere con quelli riguardanti la carpenteria leggera. Per realizzare lavori di carpenteria pesante sono necessari due procedimenti, la calandratura e la saldatura, che vanno sempre eseguiti per poter assemblare
le varie parti.

Per realizzare questi due processi occorrono anche dei macchinari specifici che servono proprio ad eseguire il lavoro nella maniera corretta: in questo modo è possibile creare di tutto, anche lavori molto complessi. Le aziende che li realizzano devono essere dotate delle opportune certificazioni per garantire la massima sicurezza delle opere realizzate.

Written by cusmano77